Editoriale

Il Coping

Il Coping

di ©

Il termine “coping” – dall’inglese “to cope” = fronteggiare, reagire, combattere – indica quell’insieme di capacità, strategie psicologiche e comportamentali messe in atto dall’individuo per fronteggiare e ricercare la modalità adattiva migliore e/o più efficace al cospetto di situazioni potenzialmente stressanti e/o pericolose per un proprio adeguato funzionamento psichico e stato di benessere.

Resilienza

Resilienza

di ©

Come molti termini la resilienza ha un’origine latina: «il verbo resilire si forma dall’aggiunta del prefisso ‘re’ al verbo salire ‘saltare, fare balzi, zampillare’, col significato immediato di ‘saltare indietro, ritornare in fretta, di colpo, rimbalzare, ripercuotersi’, ma anche quello, traslato, di ‘ritirarsi, restringersi, contrarsi …

Invidia

Invidia

di ©

Dal latino in – avversativo – e videre – guardare (quindi “guardare male, ostilmente”), l’invidia è quel sentimento malevolo di astio e risentimento che si prova nel constatare in altri il possesso di beni e/o qualità che si vorrebbero propri, in via esclusiva e/o se dall’accesso ad essi ci si sente ingiustamente esclusi…

La Relazione

La Relazione

di ©

Con il crescere delle libertà, è cresciuto anche il disagio esistenziale: i ruoli sociali e sessuali, il senso d’identità sono entrati in crisi; è aumentata la conflittualità e il rapporto tra istituzioni e cittadini è sempre più improntato sulla sfiducia; la famiglia è in disfacimento, come pure la solidarietà e la coesione sociale. In progressione la spirale disfunzionale di relazioni vissute sempre più come complesse, sempre più incomprensibili, apparentemente impossibili nella loro risoluzione.

Il rispetto

Il rispetto

di ©

Il rispetto è certamente uno dei valori della vita. Su di esso trova fondamento la serenità ed il benessere sociale, sanciti dai rapporti interpersonali tra i singoli, dall’apprezzamento per l’operato di istituzioni, enti e servizi, e non per ultimo dalla tutela per l’ambiente, la natura e le cose che sono e fanno parte del contesto in cui si vive.

Amicizia

Amicizia

di ©

Per definizione un amico è una persona che non ti abbandona nemmeno quando è direttamente minacciata, una persona a cui si possono fare tranquillamente confidenze di ogni tipo, una persona che non ti tradirà mai, nemmeno se messa sotto pressione…

Gratitudine

Gratitudine

di ©

Racconta una leggenda araba che, mentre due amici viaggiavano nel deserto, avendo iniziato a discutere, uno dei due diede uno schiaffo all’altro. Quest’ultimo rimase addolorato ma non disse nulla, poi con un ramoscello scrisse sulla sabbia: “Il mio migliore amico oggi mi ha dato uno schiaffo”. Giunti poi finalmente presso un’oasi, durante il bagno per rinfrescarsi, l’amico che era stato schiaffeggiato venne salvato dall’altro dal rischio di affogare. Dopo che si fu ripreso, egli incise dunque su una pietra: “Il mio migliore amico oggi mi ha salvato la vita”. A quel punto l’altro chiese: “Perché quando ti ho ferito hai scritto sulla sabbia, ed ora lo fai su una pietra?”, ed il primo rispose: “Quando qualcuno ci ferisce dobbiamo scriverlo sulla sabbia, affinché i venti del perdono possano cancellarlo. Ma quando qualcuno fa qualcosa di buono per noi, dobbiamo inciderlo sulla pietra, affinché nessun vento possa cancellarlo”.

Disciplina

Disciplina

di ©

“L’impegno è ciò che distingue chi fa da chi sogna” (M. Buonarroti)

L’uomo e il potere

L’uomo e il potere

di ©

“Merita il potere solo chi ogni giorno lo rende giusto” (D. Hammarskjöld)

Amore

Amore

di ©

«Non possiamo vivere solo in funzione di noi stessi. Mille e mille fibre ci congiungono ai nostri consimili; e lungo quelle fibre, a guisa di fibre congeniali, le nostre azioni scorrono come cause e ritornano a noi in qualità di effetti». Herman Merville

Fiducia

Fiducia

di ©

In italiano, così come nel francese confiance, nello spagnolo confianza ed in genere in tutte le lingue neo romanze, esso deriva la propria radice etimologica da fidĕre, ovvero “aver fede” (fidare, confidare), così ad indicare le speranze riposte in una persona o su un evento, sulla base di segni ed indizi meritevoli di positive valutazioni probabilistiche, se non di effettiva certezza…

La Dikaiosyne

La Dikaiosyne

di ©

Astrea (Díkē) dea della giustizia, “Vergine delle stelle”, Figlia di Zeus e di Themis, discese tra i mortali per diffondere sentimenti di giustizia e bontà, ma poi, disgustata dalla degenerazione morale del genere umano, si rifugiò nelle campagne; in seguito, costatato che «Vinta giace la pietà, e la vergine Astrea lascia, ultima degli dei, la terra madida di sangue », ella ritornò definitivamente in cielo, da dove continua a splendere sotto la forma della costellazione della Vergine.

Tolleranza

Tolleranza

di ©

Etimologicamente, il sostantivo “tolleranza” deriva dal latino “tolerantia”, derivante a sua volta dal verbo “tòlero”, ovvero sopportare.
Anche in altre lingue, la cui origine non proviene direttamente dal latino, la radice indo-germanica “tol” vuol dire “portare”, per cui il verbo indica il “sopportare”, il “sostenere”, tanto in senso fisico (un peso) quanto, traslato, in senso figurato (il sopportare un’altra persona o un’altra condizione, altra ideologia, etc.).

Solidarietà

Solidarietà

di ©

Mi trovavo a camminare per strada quando ad un certo punto una signora di mezza età, al posto di guida della propria autovettura, richiama la mia attenzione e, per metà a gesti e per metà a parole con una frase del tipo “Aiuto, non vedo niente…”, mi comunica di avere difficoltà a far manovra per uscire dal posteggio occupato in obliquo sul marciapiede in quanto un furgoncino posteggiato in seconda fila poco prima della sua auto le ostruiva la visuale della strada e dunque delle auto di passaggio. Così in pochi attimi mi avvicino alla sua auto e, mettendomi in strada a bloccare le auto passanti, l’aiuto nella manovra con i tipici gesti di un ausiliare del traffico o Agente della stradale. Fatta la manovra la signora si trattiene un attimo in strada per ringraziarmi: “Grazie infinite signora, grazie davvero della solidarietà!”, per poi riprendere la propria strada…

Passione

Passione

di ©

La Passione. Difficile definire, in modo univoco, un concetto così denso di sfaccettature e di implicazioni, eppure così comune e condiviso in quanto, si può dire, essa “muove ogni cosa”: «Con l’impegno fai quel che puoi, con la passione fai quel che vuoi», dice un vecchio detto popolare.
Usato nell’accezione comune di sentimento intenso, vivido ed incontrollabile, essa indica quella forza che attaglia il cuore ed il corpo divenendo al contempo origine, causa e risultato dello stato psichico e del comportamento individuale.

Ignavia

Ignavia

di ©

Ignavia. Ovvero “mancanza di volontà e di forza morale”, ma anche “indolenza o viltà eletta a norma di vita”. Attitudini e abitudini che, come “Abiti del Male ”, annichiliscono la volontà di azione. Commercio, quello degli “Abiti del Male”, ancora diffusissimo e in forte espansione. Indifferenza, negligenza e codardia paiano “demoni” che, in ogni tempo, dimorano nell’animo umano. Tanto da far temere che l’Antinferno dantesco, mai deserto, ma oltremodo affollato, rischi adesso di avere serie difficoltà di “accoglienza”.

Le regole: fondamento per il futuro dei giovani

Le regole: fondamento per il futuro dei giovani

di ©

Regula, è in latino un’unità di misura che indica un limite e quindi la possibilità di “misurare” qualcosa. Dunque, la regola rappresenta l’unità di misura del nostro agire, ciò che lo circoscrive entro un ambito preciso e ne delinea il confine. La regola, di fatto, è la forma che riassume la possibilità di un controllo e della verifica dell’umano agire. Perché partire dalla regola parlando del futuro dei giovani?

In-differenza

In-differenza

di ©

Si dice che l’opposto dell’amore sia l’odio. Niente risulta essere più lontano dal vero. Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’indifferenza. L’in-differenza impedisce di prendere decisioni, compiere azioni. L’in-differenza non fa discernere perché ogni cosa è considerata ininfluente, incapace di produrre cambiamenti rispetto alla condizione esistente. Questa condizione di disinteresse coinvolge la libertà personale poiché […]

Effetti collaterali morbosi della criminologia mediatica

Effetti collaterali morbosi della criminologia mediatica

di ©

Le nuove mode, per loro natura, prendono piede e dilagano senza risparmiare niente e nessuno. Così dopo il fenomeno dei talk show, quello dei reality show, ecco avanzare quello del criminality show. Nutrito da un’epoca di esasperata diffusione e proliferazione mediatica, a sua volta dà vita ad un altro fenomeno: il dark tourism, effetto collaterale […]

Quella instancabile forza che ci fa andare avanti

Quella instancabile forza che ci fa andare avanti

di ©

Sono passati già due anni dal primo numero del nostro Giornale, e molte cose sono accadute. Quando mi è stato proposto di diventare il Direttore Scientifico di questa Rivista, mi sono chiesta in quale modo avrei potuto affiancarmi al prezioso lavoro già fatto in questi anni e continuare a tenere aperta quella finestra attraverso cui […]

L’Homo Videns

L’Homo Videns

di ©

Oggi sempre più spesso ci troviamo immersi in quella che viene definita “società virtuale” dove l’esperienza diretta, il rapporto con persone e cose, vengono messi seriamente in pericolo. C’è chi parla della “morte del reale” in una società dei simulacri dove trionfano le apparenze, le ombre, le maschere e dove tutto rischia di trasformarsi in spettacolo. […]

Quanto male può fare la tv della melassa

Quanto male può fare la tv della melassa

di ©

Ebbene sì, anch’io faccio parte di quei quasi 5 milioni di italiani che la domenica sera si adagiano sul divano davanti alla fiction “Tutti pazzi per amore 3”. E, pur facendo zapping durante le scene musicali che trovo insopportabili, un po’ per pigrizia un po’ per relax un po’ perché acciambellata nella mia narcosi pre-piumone, […]

Tra desiderio e paura

Tra desiderio e paura

di ©

L’uomo fin dalle sue origini ha cercato nell’ambiente che lo circondava qualcosa di più di un contorno o di una compagnia. Ha cercato il suo simile, una volontà. In quest’ottica il mondo circostante vive con l’uomo, esercita il proprio potere su di lui ma non solo, vuole qualche cosa dall’uomo così come quest’ultimo a sua […]

Figli di culti crudeli

Figli di culti crudeli

di ©

Bambini a cui viene impedito di giocare, che non vengono mandati a scuola. Bambini costretti all’isolamento, malnutriti, picchiati, castigati, seviziati, obbligati a pratiche innaturali fino alla violenza estrema: l’atto sessuale. O, purtroppo, la morte. È la drammatica realtà che si trovano a vivere i minori che vengono abusati all’interno di gruppi pseudoreligiosi e magico-esoterici. L’argomento […]

Questo non è un Paese per bambini

Questo non è un Paese per bambini

di ©

La storia dell’umanità è segnata da date importanti. Allora ricordiamone alcune: era il 1789 quando arrivò la Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino. Quasi un secolo più tardi, nel 1865, venne abolita la schiavitù negli Stati Uniti. Ha visto la luce nel 1948 la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e nel 1966 il Patto […]

Le colpe dei padri ricadranno sui figli

Le colpe dei padri ricadranno sui figli

di ©

Anche se parlare di pedofilia e incesto non è cosa semplice, dobbiamo prendere atto che l’abuso sessuale sui bambini è un fenomeno molto più diffuso di quanto comunemente si pensi o si voglia credere. Quello che di volta in volta veniamo a sapere oggi è solo la punta di un iceberg che ha dimensioni profonde. […]

Il lupo perde il pelo ma non il vizio

Il lupo perde il pelo ma non il vizio

di ©

«Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Soprattutto quando il vizio resta sostanzialmente impunito» Un vecchio adagio recita “Il lupo perde il pelo ma non il vizio” e a quanto pare è proprio così! Chi non si ricorda di Mamma Ebe, al secolo Maria Gigliola Giorgini, la santona guaritrice salita alle cronache negli […]

Criminale e vittima, un sistema inscindibile

Criminale e vittima, un sistema inscindibile

di ©

Come neuropsichiatra e medico legale che da molti anni insegna criminologia all’Università di Bologna, dopo essermi imbattuto per motivi professionali e di studio in numerosi autori di crimine e in differenti dinamiche criminali, mi sono posto ormai da molto tempo il problema del rovescio della medaglia, dei volti della violenza che sono l’interfaccia dietro cui […]

Scegliamo la conoscenza

Scegliamo la conoscenza

di ©

Con questo numero nasce Profiling – I Profili dell’Abuso, la rivista dell’Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici. Quando abbiamo vagliato l’utilità di dotare l’Osservatorio di una sua propria rivista, uno dei primi interrogativi che ci siamo posti è stato: perché intraprendere un progetto tanto ambizioso? E poi, considerando le innumerevoli riviste già esistenti che, a torto o […]