Crimine&Società

La donna di ‘Ndrangheta: un’indagine di ricerca preliminare

di ©

Il popolo della Calabria è da sempre segnato da un antica connivenza con quel fenomeno che molti definiscono “liquido”, per la capacità di espandersi e di penetrare ovunque: la ‘Ndrangheta. In continuo accrescimento per numero di affiliati e paesi coinvolti, la ‘Ndrangheta ha negli ultimi anni subito modifiche di gerarchie interne riconoscendo alla donna un “potere” che, solo pochi decenni fa, nessuno poteva immaginare. Nasce da qui l’interesse verso il ruolo femminile all’interno di tale organizzazione criminale: nella prima parte della stesura si condurrà un excursus sulla criminologia femminile nella storia; si proseguirà quindi con la descrizione della ‘Ndrangheta in termini di origini storiche, rituali ed organizzazione gerarchica; ed infine verrà approfondito il tema della “Lady ‘Ndrangheta” (epiteto quanto mai sarcastico), nel suo ruolo passivo ed attivo all’interno dell’organizzazione criminale, e sul quale il presente lavoro di ricerca riporta i risultati di un’intervista condotta sulla popolazione generale per esaminarne lo stereotipo culturale e la generale percezione sociale.