Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

E fra le braccia niente

 In CaseHistory, N. 2 – giugno 2014, Anno 5

Una sera mentre mi infilavo il pigiama il mio sguardo per caso cadde sul muro a capo del letto, al posto del solito quadro della Madonna con il Gesù Bambino in braccio, adesso c’era appeso un poster con tanto di cascate e prati in fiore. Incuriosito e un po’ seccato chiamai Carmela per farmi spigare cos’era questa novità e, con mio grande sconcerto, lei, con l’aria più innocente che si possa immaginare mi spiga che, siccome la Bibbia vieta di farsi immagini di Gesù, della Madonna o di altri Santi aveva ritenuto giusto obbedire a questo comando e disfarsi di tutte le immagini Sacre. Comprese le madonnine e i crocifissi delle catenine d’oro dei nostri figli. La discussione accesa che ne seguì non arrivò a capo di niente, lei imperterrita restò sulle sue posizioni: “Io in questa casa ci vivo e io l’accudisco e perciò quelle ‘cose’ per casa non ce le voglio”. Poco importava che molte di quelle ‘cose’, come adesso le chiamava lei, fossero preziosi ricordi di persone care che ormai non erano più fra noi. Così, mentre ogni riferimento della religione Cattolica scompariva dalla nostra casa, le pubblicazioni della sua cosiddetta “vera” fede iniziavano a riempire ogni spazio disponibile, come d’altronde, ormai facevano anche le nostre discussioni.

Carmela si era messa in testa di convertirmi. E ogni occasione era buona. Il telegiornale dava la notizia di un furto, dell’uccisione di qualcuno piuttosto che un cataclisma naturale o un evento disastroso, bene, quelli erano tutti segni predetti dalla Bibbia che dimostravano chiaramente che il modo stava vivendo i suoi “ultimi giorni”, e che quindi io avrei fatto bene a sbrigarmi a mettermi a posto con Dio se volevo sopravvive alla catastrofe che Egli fra breve avrebbe portato sulla terra. Ogni sera la stessa solfa. E anche quando si mostrava affettuosa e premurosa alla fine inevitabilmente dietro alla sua disponibilità si celava la richiesta che io accettassi di studiare la Bibbia con i suoi, ormai considerati, “fratelli”. Gli unici detentori della “verità”.

L’argomento di battaglia di Carmela, come un disco rotto, era sempre lo stesso: “non vedi, adesso sono finalmente serena, e questo lo devo a loro. È grazie a loro che ho conosciuto la ‘verità’, ma per causa tua la mia felicità non è completa, perché la mia famiglia non è unita ‘nella pura adorazione’. Quando la fine di questo mondo arriverà io ti perderò perché sarai distrutto da Dio, poiché sei un’infedele”. Già un’infedele. Questo ero adesso io per mia moglie. Uno che pur avendo la possibilità di conoscere la volontà di Dio preferiva restare nell’ignoranza e indugiare nelle credenze pagane e demoniache della Chiesa Cattolica: la diretta antagonista di Dio e del suo Regno. Dimostrazione, questa, del mio cuore insensibile e corrotto da Satana. Come del resto pagane e quindi sataniche adesso erano considerate da Carmela tutte le feste comandate. Natale, Pasqua, Carnevale, compleanni, insomma ogni celebrazione era bandita dalle nostre mura domestiche. Per non parlare dell’imbarazzo che ogni volta provavo nel declinare l’invito di un parente che ci invitava a casa sua per festeggiare qualche ricorrenza. L’alternativa? Andarci da solo. Ma come si fa a spiegare che Carmela e i figli non sono voluti venire per non partecipare a una festa in onore di “Satana il governate di questo mondo”. E non era tutto. Ogni volta che a scuola di nostra figlia veniva organizzata una festicciola scattava l’investigazione di Carmela: “Anna, dimmi, ma che cosa si festeggia domani a scuola tua, per caso qualcuno dei tuoi compagni di classe finisce gli anni?” E puntualmente Anna restava a casa. E poco importava se io ero d’accordo o meno. Imperativo era non contaminarsi con le pratiche di questo mondo satanico.

Intanto si avvicinava la prospettiva del risarcimento da parte dell’assicurazione per l’incidente avuto. Un giorno dissi a Carmela: “Sai, con i soldi del risarcimento, mi piacerebbe tanto lasciare il lavoro in fabbrica e aprire assieme a te un attività commerciale. Pensa potremo passare finalmente più tempo insieme”. La sua risposta fu lapidaria: “Prima Dio e dopo tutto il resto. La cosa non mi interessa, se veramente vuoi aprire un’attività commerciale ti trovi una donna, la paghi e ti fai aiutare”. Non credevo alle mie orecchie. Aveva passato ogni limite logico. Fu qui che decisi di capirne di più su questa organizzazione. In ritardo lo ammetto. Adesso lo so. Decido di procurarmi dei libri che trattino il gruppo.

Ogni istante libero dal quel momento lo passavo a leggere. Più leggevo e più la preoccupazione cresceva. Ma ancora mi illudevo che bastasse far leggere a Carmela quelle informazioni chiarificatrici sulla loro storia e sulla loro dottrina: come sono nati, come si sono sviluppati nei vari Paesi, i loro continui mutamenti dottrinali. Insomma tutte quelle contraddizioni che attraverso un analisi attenta dei loro scritti saltavano chiaramente agli occhi. Niente. Pia illusione. Di esaminare quei libri Carmela non voleva neanche sentirne parlare. “È sicuramente materiale apostata perciò io non ci penso nemmeno a guardarlo. E faresti bene a non guardarlo neanche te. Se proprio vuoi conoscere la verità invece di riempirti la testa di quella spazzatura faresti bene a studiare la “Bibbia” con noi. E se proprio vuoi continuare sulla strada della distruzione eterna fai pure. Ma di quella robaccia tu non me ne devi nemmeno parlare, perché io non voglio ascoltare nemmeno lontanamente le insinuazioni velenose degli apostati in combutta con i preti cattolici”. Non è possibile. È impazzita, mi dissi. E in preda alla disperazione più nera le urlai “Bene! Ho capito che tu in realtà non vuoi un confronto serio e onesto, ma cerchi solo di trascinarmi con te nello stesso baratro nel quale stai precipitando. Ma io non ci sto!” E in un impeto di rabbia presi tutta la letteratura, tutte le riviste del suo gruppo e le buttai nel cassonetto della spazzatura. Telefonai alle due signore che ancora facevano lo studio della “Bibbia” a Carmela dicendogli che non erano più gradite a casa mia. Ero disperato, non sapevo cosa fare. L’unica casa che riuscivo a pensare era di allontanare quelle persone dalla mia famiglia il più presto possibile. Successe il finimondo. Ero diventato il male assoluto. Per un bel po’ di tempo Carmela si chiuse in un mutismo ostinato. Poi un giorno mi chiese se ero disposto ad andare con lei da un consulente matrimoniale. Quelle parole riaccesero in me un barlume di speranza e accettai immediatamente. Speranzoso attesi il giorno dell’incontro. Forse, mi dicevo, se uno specialista le spiega come stanno le cose, per la mia famiglia ci può essere ancora un futuro accettabile. Altra pia illusione. Il consulente ascoltato le nostre istanze, fece del suo meglio per spiegare che la rigidità con la quale mia moglie aveva interpretato questa “verità” dottrinale non avrebbe certo giovato al rapporto di coppia, ma le sue parole furono parole gettate al vento. Carmela non intendeva mettere in discussione nemmeno una vergola della sua adesione. Lei sarebbe diventata una fedele “sorella” con tutto quello che ne poteva derivare. Con me o senza di me. E questo era quanto.

Liti, zuffe, dispetti. L’argomento era sempre lo stesso. La tensione fra noi era diventata così esplosiva che la sera, dopo il lavoro, ogni scusa era buona pur di rimanere il più possibile fuori casa. Non sopportavo l’idea di rientrare a casa e inesorabilmente iniziare l’ennesimo litigio. Dopo tre mesi di inferno Carmela mi comunicò che voleva il divorzio. “Io non voglio separarmi da te – farfugliai – ti prego, ragioniamo non gettiamo via il nostro matrimonio, la nostra famiglia”. “Più fai così e più ti odio. Lo vuoi capire che non mi importa, che tu voglia o no”. Fu la risposta. Secca, affilata. In quei giorni dovevo fare un delicato intervento al gomito.

Dal giorno dell’incidente diverse erano le operazioni alle quali regolarmente dovevo sottopormi e quella al gomito era fra queste. Ricordo come se fosse ora la tristezza di quel giorno. Solo mi incamminai verso l’ospedale e solo tornai a casa tre giorni dopo. Non una visita, non una telefonata. Carmela non si fece ne sentire ne vedere. A casa l’unica cosa in attesa era l’appuntamento dell’avvocato. Dove venne deciso per una consensuale. Al ritorno, appena superata la porta di casa, Carmela prese il telefono e comunicò a parenti e conoscenti la nostra separazione. Il tono della sua voce, la sua espressione, tutto di lei trasmetteva un moto di vittoria, di rivalsa. Non ci potevo credere. Ma erano tante ormai le cose a cui non avrei mai potuto credere. Quella là che trionfante e concitata parlava al telefono non era la mia Carmela. Non era la Carmela che, bella e luminosa come un raggio di sole mi aveva fatto innamorare. No. Questa Carmela io non la conoscevo. Ma il peggio doveva ancora arrivare. Finito il giro di telefonate mi disse che intendeva partire, con i figli, al più presto e tornare giù, al paese. Sapeva bene che a causa dell’operazione al gomito con la conseguente immobilizzazione del braccio, destro per di più, io avrei avuto molta difficoltà a vestirmi a mangiare, insomma non sarei stato proprio autosufficiente. “Te ne vai e mi lasci da solo in questo stato?” Cercai di farla desistere facendo leva sul suo senso di responsabilità. “Carmela ragiona, quale moglie lascerebbe suo marito in queste condizioni da solo?” “Ex moglie, prego”. Fu la sua risposta. Da premettere che eravamo andati dall’avvocato solo per chiedere istruzioni per la separazione e che niente di fatto era stato compiuto.

Due mesi. Tanto Carmela restò al paese. Io, solo, cercai di arrangiarmi come potevo. Rassegnazione, smarrimento misti a rabbia e indignazione erano i sentimenti che si contorcevano nelle mie viscere come serpenti in quei giorni fatti di solitudine e disperazione. Dal giorno dell’incidente, con le conseguenti interminabili operazioni di ricostituzione delle fratture subite, mi sentivo sempre più rilegato nel ruolo dell’invalido bisognoso di aiuto. E Carmela spesso pareva approfittarsi di questa mia inabilità per ricordarmi di quanto lei faceva per me, mentre io, l’ingrato, neanche una cosa ero disposto a fare per lei. Come per esempio conoscere la “verità”. Unica cosa che a lei premeva veramente. Il suo ritorno a casa fu foriero di nuovi scontri. Carmela aveva deciso che era ora che io mi trovassi un altro alloggio perché lei non era più disposta a vivere assieme a uno che non accettava Dio. E per di più con uno che non era più suo marito. Peccato gravissimo. Perché, secondo lei, anche se non avevamo neanche iniziato le pratiche per la separazione eravamo già separati, per il solo fatto che decisione era stata presa. Da lei sola naturalmente.

Trovo un alloggio di fortuna. Vi risparmio il resoconto dei miei pensieri in quei giorni. Giorni amari. Pochi mesi dopo sono di nuovo in ospedale per l’ennesima e delicatissima operazione. Pochi minuti prima dell’operazione cedo alla tentazione di chiamarla. “Carmela sono in ospedale tra un po’ entro in sala operatoria”. “E allora, cosa vuoi da me?” Mi rispose affettata. “Niente – risposi – ti chiedo soltanto di farmi gli auguri”. Lei, per tutta risposta. “E perché dovrei, non siamo più niente”. E questo dieci giorni prima della sentenza effettiva della separazione. Separazione dove viene specificato che per quanto riguarda il figlio minore gli aspetti relativi alle scelte religiose spettano solo al papà. Mia figlia, più grande, ormai aveva seguito la via della madre e quando mi incontrava per strada neanche mi salutava. Col tempo anche il minore, in barba a tutte le disposizioni, ha intrapreso lo stesso itinerario.

Un tempo avevo una moglie. Una moglie che amavo e che mi amava. Un tempo avevo una famiglia. Un tempo avevo una vita. Adesso sono un uomo solo e amareggiato. Voglio ancora bene a mia moglie ma non posso fare niente per lei. Il senso di impotenza mi devasta e mi arrovella il cervello. Si, quanto sono tristi adesso le giornate. Giornate passate da solo a ricordare come era dolce la mia Carmela prima che un “male oscuro” travestito da “amore fraterno e verità assoluta” la trasformasse in un essere che non riconosco più.

Tolleranza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi