N. 2 – giugno 2017

Il Narcisista

Il Narcisista

di ©

C’era un tempo, narra Ovidio, nel quale viveva un giovane di una tale bellezza, che non vi era abitante della città, uomo o donna, giovane o vecchio che sia che non si innamorasse di lui. Narcisio era il suo nome. Figlio della ninfa Liriope e del dio fluviale Cefiso, tanto era bello quanto era crudele. Infatti, egli disdegnava arrogantemente chiunque lo amasse. Un giorno mentre Narciso era nel bosco, si imbatté in una pozza d’acqua e …

Il Padre: tra tradizione e innovazione

di ©

L’articolo intende analizzare il ruolo, l’identità e la funzione paterna attraverso la sua genesi, il suo declino provando a ricostruirne l’identità in modo inedito. Il focus dell’analisi pertanto, sarà centrato sulla ricostruzione dell’identità paterna, frutto delle nuove scoperte in ambito pedagogico. Il quadro che scaturirà sulla figura paterna, seppur non esaustivo, mira a comprendere come si sia formata la paternità cercando di fare chiarezza e mettere in luce i diversi modi di essere e fare il padre, confrontando il modello di paternità tradizionale con l’analisi dell’emergente modello della nuova paternità. Sarà formulata infine un’ipotesi di ricostruzione dell’identità dei padri, provando ad àncorare tale ruolo alla Bildung come formazione umana dell’Uomo.

Trichocereuspachanoi: quando la globalizzazione minaccia la tradizione

di © - © - © - ©

Negli ultimi anni, nello specifico dal 2010 al 2015, sono state intercettate dall’Early Warning System più di 560 nuove sostanze psicoattive tra cui anche piante ed estratti vegetali. All’interno di questo panorama, si inserisce il sanpedro, un cactus mescalinico appartenente al genere Echinopsis o Trichocereus usato dalle popolazioni andine dell’Equador, Bolivia e in modo particolare del Perù, per scopi mistico e medico-curativi. La bevanda a base di mescalina, da qualche decennio ha varcato i confini storico-culturali nella quale era inserita, approdando anche nei mercati europei e in quello nazionale. Oggigiorno infatti, il sanpedro, eradicato dal proprio contesto mistico-religioso, grazie al suo contenuto mescalinico e alla facile reperibilità via internet, trova ampio spazio come sostanza d`abuso a scopi puramente ricreativi. In Italia, sebbene la mescalina sia inserita tra le sostanze stupefacenti e psicotrope e dunque considerata una sostanza illegale, la coltivazione e il consumo del cactus è ad oggi consentita. La legittimità di coltivare e consumare piante i cui principi attivi dimostrano avere effetti psicoattivi, ha favorito la diffusione su larga scala, di una nuova frontiera del mercato delle sostanze d`abuso.

Narcisistici patologici e pericolosità socio-economica

di ©

Il saggio intende fornire una personale rilettura degli studi sul narcisismo patologico in chiave socio-economica, ovvero avanzare l’ipotesi per cui i soggetti affetti dal suddetto disturbo di personalità (disturbo narcisistico della personalità “DNP”), possano poi essere più portati/tendenti a compiere atti di criminalità economica. L’analisi si basa sull’assunto empirico che il criminale economico gioca lo stesso ruolo nei confronti dell’organizzazione sociale che il narcisista assume nei confronti della vittima all’interno di una relazione. In entrambi i casi, tanto la societas che la persona sono “vittime invisibili” ed inconsapevoli del gioco al massacro che il disturbato sta intentando loro, impostato sulle loro debolezze. A tratti, paradossalmente, ne diventano anche complici, osannandone ed esaltandone le caratteristiche, e contribuendo inconsapevolmente a creare un “grande bluff” attorno alla loro figura. D’altra parte l’organizzazione socio-economica pubblica ha bisogno ed incoraggia la creazione di realtà imprenditoriali spregiudicate, dedite solo agli introiti, non capendo che però poi, alla fine, se fomenta questi valori all’eccesso, i danni che ne derivano sono incalcolabili, non sono per le singole persone ma per l’intera struttura socio-economica di base.

Il Sexting

di ©

L’avvento trasversale della tecnologia ha impattato tutti i campi della vita sociale umana, in particolar modo sulla sessualità. Uno dei fenomeni che ne deriva è il sexting, crasi dei termini “sex” e “texting” ossia lo scambio digitale di materiale sessualmente esplicito, quali messaggi di testo, fotografie e video, attraverso device e social network. Dinamica di ampia diffusione sia nel mondo di adolescenti e giovani, sia in quello adulto, è stato al centro di numerose ricerche accademiche, nonché dell’opinione pubblica, anche a seguito di terribili fatti di cronaca che lo hanno messo in luce, poiché legato a episodi di (cyber-)bullismo e suicidio. Sono qui presentate le caratteristiche principali del sexting, partendo dalla definizione, passando alle tipologie, le motivazioni fino a conseguenze e fattori di rischio, secondo la letteratura psicologica internazionale. Viene presentato inoltre uno studio condotto sull’area fiorentina tramite l’Università degli Studi di Firenze, che indaga in modo empirico il sexting nel contesto italiano.

L’illusione del narcisista. La malattia nella grande vita

di ©

È il narcisista vulnerabile, passivo, rinunciatario, il cui impossibile collabimento tra il Sé reale e il Sé ideale ne decreta il fallimento, la vergogna, il ritiro sociale; in taluni, rari casi, il suicidio. E, ancora, la controparte maligna del narcisista grandioso, incarnata dai protagonisti di alcuni dei serial americani più amati: House of Cards e Game of Thrones, al secolo Frank Underwood e Tywin Lannister.